giovedì, Giugno 20, 2024
31.1 C
Trapani
HomeAttualitàLe tre domande della domenica a Rita Fugallo

Le tre domande della domenica a Rita Fugallo

di Chiara Conticello

Una bella novità a Trapani: nei giorni scorsi è nata ufficialmente l’associazione di quartiere “Insieme per Cappuccinelli ODV”. Ne abbiamo parlata con la presidente Rita Fugallo.

1) Come nasce l’idea di questo comitato?
Nasce dopo mesi di lavoro organizzativo. Alcuni cittadini del popolare quartiere di Trapani hanno deciso di formalizzare, adesso, la costituzione di quest’associazione per rappresentare i bisogni della popolazione


2) Da chi è formato e quali sono gli obiettivi?
Il comitato è formato da me, Rita Fugallo, che occuperò il ruolo di presidente. Poi Alberto Accardi (vice presidente), Roberto Valenti (segretario), Antonino Fagone (tesoriere). Uno degli obiettivi dell’associazione, oltre quello di rappresentare i bisogni della popolazione del Cappuccinelli, è di farsi promotrice di iniziative di carattere civico, educativo, sociale e culturale che possano stimolare e incentivare la partecipazione attiva di altri concittadini.

3) Parliamo di iniziative: cosa realizzerete nel futuro prossimo? C’è già qualcosa in procinto?

Tra le iniziative più prossime c’è quella che ha come obiettivo la riorganizzazione del campetto che si trova all’interno del Rione Cappuccinelli, adesso in stato di abbandono. All’interno non ci sono più le porte di calcio e le annesse reti, le aiuole sono abbandonate, incolte e sporche.

Partiremo da lì soprattutto con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi del quartiere che di questo campetto ne fanno punto di ritrovo. Il futuro è innanzitutto in mano ai giovani ed è proprio da loro che vogliamo iniziare, inculcando in ognuno di loro il dovere di prendersi cura di un bene comune che può essere fonte di gioco e comunicazione.

Nella vita è importante l’esempio che si dà e se sono gli stessi giovani a dare l’esempio, allora sarà possibile fare dei passi avanti soprattutto sulla pulizia dei luoghi comuni come, ad esempio, le piazzette che nascono nel cuore del rione stesso.

Per il futuro, insomma, abbiamo buoni propositi, nell’attesa e nella speranza che i lavori di rivalutazione dei fondi Pinqua inizino al più presto.

Altre notizie