Narrare il territorio, scoprire meraviglie. Martedì 15 marzo alle ore 16 al Granaio del Castello di Rampinzeri a Santa Ninfa

89

La Rete Museale e Naturale Belicina compie dieci anni, ed in occasione della seconda edizione della Giornata dei Musei, delle Riserve, dei Luoghi della Rete, dà vita martedì 15 marzo ad un incontro dal titolo “Narrare il territorio, scoprire meraviglie”, in programma alle ore 16 presso il Granaio del Castello di Rampinzeri, a Santa Ninfa. L’evento, che vede la partecipazione dell’associazione Guide Turistiche Italiane, ed al quale interverranno soci e partner della Rete, servirà per dare il via ad una coprogettazione con l’obiettivo di valorizzare e promuovere la realtà culturale e turistica dei siti e degli itinerari del network che unisce musei, parchi archeologici e riserve naturali tra le province di Trapani, Agrigento e Palermo.
Nella ricorrenza del suo decimo compleanno, quindi, la Rete Museale e Naturale Belicina avvia un momento di confronto con sostenitori, professionisti e operatori culturali, avvalendosi dell’ausilio e della competenza dell’associazione Guide Turistiche Italiane, in modo da porre le basi per l’avvio di una modalità di visita e di narrazione attraverso i siti della Valle del Belice, che conduca ad una innovativa narrazione del territorio, coniugando conoscenza e fruizione.
A questo perciò si punta con “Narrare il territorio, scoprire meraviglie”, che sicuramente rappresenterà un proficuo appuntamento da cui verranno fuori nuove progettualità per la crescita sociale ed economica del contesto belicino.
«Quella del 15 marzo per il direttivo, i soci, i partner e i sostenitori della Rete – dice il presidente Giuseppe Maiorana – è una data densa di significati, perchè celebrare i 10 anni dalla nascita della nostra associazione vuol dire fare un bilancio su ciò che finora è stato fatto per la crescita territoriale, mettendo anche a punto quello che stiamo programmando nel solco già tracciato in tutto questo tempo, con sguardo sempre però attento agli stimoli che ci arrivano da un contesto culturale e sociale in continuo movimento».