Ieri in Tribunale a Marsala la seconda udienza a carico del pm Angioni. Nuova udienza il 28 gennaio

350

E’ stata rinviata al 28 gennaio, sempre alle ore 15,  nell’aula «Paolo Borsellino» del Tribunale Marsala e davanti al giudice monocratico Giusi Montericcio, la nuova udienza del processo che vede imputata l’ex pm Maria Angioni, con l’accusa di false informazioni a pubblico ministero, per il caso che si inserisce nell’ambito dell’inchiesta bis per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa a Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di 4 anni. A sostenere l’accusa contro la Angioni sono i pm Roberto Piscitello e Giuliana Rana. A difendere la Angioni sono gli avvocati Stefano e Andrea Pellegrino.

Nell’udienza di ieri, lunedì 10 gennaio, proprio gli avvocati della difesa hanno sollevato un’eccezione che è però stata respinta dal giudice e contestata dai pm, i quali hanno chiesto anche di non inserire nella lista delle persone chiamare a testimoniare – 14 per l’esattezza – alcuni nomi già in programma, perché ritenuti ‘superflui’ ai fini delle indagini.

La seconda udienza si è svolta in circa un’ora e mezzo e dopo è stato chiesto il rinvio al 28 gennaio. Abbiamo intervistato l’avvocato Stefano Pellegrino che chiarisce gli aspetti tecnici di quanto svoltosi ieri. Nel tg delle ore 13.45 andrà in onda il servizio.