Autocertificazioni per spostarsi anche nello stesso Comune

32246

di Mario Torrente

Bisogna sempre motivare l’uscita da casa. Anche se si resta nel proprio Comune di residenza. Questo vuol dire che l’auto-certificazione può essere richiesta in qualunque circostanza. Anche se si va a piedi o in bicicletta. E se non si è minuti del modello di autocetificazione del Ministero dell’Interno saranno gli stessi agenti delle forze dell’ordine a fornirla e compilarla. In base al provvedimento della Presidenza del Consiglio dei Ministri è possibile uscire da casa solo per comprovate esigenze lavorative, per situazione di necessità, come fare la spesa, o per motivi di salute come evidenziato dal comandante della Polizia Municipale di Trapani Mario Bosco, che ai nostri microfoni ha chiarito alcuni passaggi del decreto “io resto a casa”, il provvedimento ha esteso su tutto il territorio nazionale le disposizioni per contrastare il dilagare del coronavirus. Si può dunque uscire in caso di necessità e non per fare una passeggiata. Vietati poi gli assembramenti di persone, invitate a mantenere una distanza di sicurezza l’uno dall’altro. Motivo per cui anche nei supermercati e in altri punti vendita si entra uno alla volta in modo da evitare di riempire i locali delle attività commerciali. Disposizioni che in questi primi due giorni hanno cambiato il volto della città, dove il numero delle macchine in circolazione è diminuito drasticamente. A Trapani le strade si sono svuotate, con diversi locali, ristoranti e negozi che hanno deciso di chiudere. E già ieri sera in città, avvolta nel silenzio, l’armosfera era surreale, con pochissime auto in giro e tutto chiuso. L’imperativo per tutti è di restare a casa, evitando per quanto possibile gli spostamenti e di stare in contatto con altre persone.

ASCOLTA L’INTEVISTA AL COMANDANTE MARIO BOSCO