martedì, Giugno 18, 2024
29.1 C
Trapani
HomeAttualitàPalermo, sequestrati cellulari all'Ucciardone

Palermo, sequestrati cellulari all’Ucciardone

È allarme alle carceri dell’Ucciardone di Palermo dopo gli ultimi rinvenimenti di telefoni cellulari di ultima generazione. A lanciarlo è Calogero Navarra, segretario per la Sicilia del SAPPE,. “ rinvenuto nell’intercinta della Casa di reclusione, un involucro con quattordici smartphone, completi di cavetti di ricarica, provenienti da lanci da strade attigue al carcere. Una vera e propria piaga, questa dei lanci, che denunciamo non da settimane o mesi ma da anni!”. Il sindacalista evidenzia come anche questi ultimi eventi “confermano tutte le ipotesi investigative circa l’ormai conclamato fenomeno di traffici illeciti, fenomeno favorito anche dalla libertà di movimento dei detenuti a seguito del regime custodiale aperto e delle criticità operative attuali, in cui opera la Polizia Penitenziaria, con dei livelli minimi di sicurezza. Segnalo che in diverse carceri della Nazione è stata accertato l’uso illecito di droni per introdurre nelle carceri telefonini, droga e persino armi. Il compiacimento del SAPPE va al personale del Reparto di Polizia Penitenziario dell’Ucciardone di Palermo”.
Donato Capece, segretario generale del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, ricorda che introdurre o possedere illegalmente un telefono cellulare in carcere costituisce reato, punito da 1 a 4 anni di reclusione. “L’introduzione del reato nel nostro Codice penale, purtroppo, non ha sortito gli effetti sperati; l’unico deterrente possibile rimane la schermatura degli istituti per rendere inutilizzabili i telefoni. La situazione è ormai fuori controllo. È necessario un intervento urgente per dotare le carceri di sistemi di schermatura efficienti e per contrastare efficacemente l’introduzione di telefoni cellulari all’interno degli istituti penitenziari”. E si appella al DAP: “domandiamo ai vertici del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria a che punto è proprio il progetto di schermatura degli istituti, proprio per neutralizzare l’utilizzo dei telefoni cellulari e scoraggiarne l’introduzione, garantendo così quella prevenzione che, in casi di questo tipo, può risultare più efficace della repressione”. Il leader nazionale del SAPPE conclude auspicando che “l’Amministrazione Penitenziaria potenzi i momenti di formazione ed aggiornamento professionale della Polizia Penitenziaria e che anche il Reparto dell’Ucciardone a Palermo possa disporre di un numero sufficiente di poliziotti, adeguatamente preparati, formati e specializzati ed esperti anche nell’utilizzo e nella gestione dei droni sia in ottica preventiva che repressiva”.

Altre notizie