sabato, Giugno 22, 2024
26.1 C
Trapani
HomeAttualitàPremio “Marisa Bellisario” alla scienziata marsalese Anna Grassellino

Premio “Marisa Bellisario” alla scienziata marsalese Anna Grassellino

Il nome di Anna Grassellino, scienziata marsalese, brilla tra le vincitrici del prestigioso Premio Marisa Bellisario, noto come l’Oscar delle donne, dedicato alle “Donne che fanno la differenza”.

L’evento si terrà il 14 giugno nella suggestiva cornice del Parco Archeologico del Colosseo. Anna Grassellino è la seconda marsalese a ricevere questo riconoscimento, dopo Josè Rallo di Donnafugata.

Anna Grassellino, Direttrice del Centro SQMS (Superconducting Quantum Materials and Systems) al Fermilab di Chicago, è stata scelta dalla Commissione esaminatrice, presieduta da Gianni Letta, insieme a personalità di spicco del panorama italiano. A lei va il Premio Internazionale.

La scienziata siciliana ha già ottenuto il Breakthrough Prize, noto come l’Oscar della scienza, per le sue ricerche sulle particelle. Attualmente, al Fermilab, è impegnata nella costruzione del computer quantistico più potente mai concepito, dirigendo uno dei cinque centri nazionali finanziati dal Governo americano per l’avanzamento delle tecnologie quantistiche. Unico centro guidato da una donna, il SQMS, conta 400 scienziati da tutto il mondo. Grassellino ha cinque anni e un finanziamento di 115 milioni di dollari per completare questa straordinaria missione.

Nata nel 1981 a Marsala, sposata con uno scienziato russo-ucraino e madre di tre bambini, Grassellino rappresenta un modello di eccellenza femminile. Premiato anche da Barack Obama all’inizio della sua carriera, insegna alla Northwestern University, ama il latino e la poesia e ogni mattina si allena correndo. Il suo stato su WhatsApp recita “Leges sine moribus vanae” (le leggi senza la morale sono inutili), riflettendo il suo approccio filosofico alla scienza: “La fisica è un’avventura affascinante. È confrontarsi con la natura e scoprire che ha sempre ragione”.

La Commissione esaminatrice ha selezionato anche altre illustri vincitrici per l’Edizione 2024 del Premio Marisa Bellisario:

  • Istituzioni: Margherita Cassano, prima Presidente della Corte di Cassazione.
  • Informazione: Giovanna Botteri, decana tra le inviate e corrispondenti italiane.
  • Imprenditoria: Cristina Zucchetti, Presidente Zucchetti Group.
  • Management: Elena Goitini, Amministratore Delegato BNL e Responsabile BNP Paribas per l’Italia.

Premi speciali anche a Francesca Nanni, Alfonsina Russo e Suor Raffaella Petrini per i loro ruoli pionieristici, e a Margherita Buy e Federica Brignone nel settore dello spettacolo e sport. Due aziende si sono distinte nel campo della parità di genere: Pellemoda e Lab.Instruments.

Premiate, infine, le brillanti neolaureate Beatrice Vincenzi, Chiara Monacchini e Veronica Grosso. A loro va la Mela d’Oro 2024 per gli studi in Ingegneria Elettrica, Meccanica e Informatica.

Lella Golfo, Presidente della Fondazione Marisa Bellisario, afferma: “Celebrare la 36ª edizione del Premio in una delle Sette Meraviglie del mondo moderno è già una consacrazione del talento femminile. Le storie delle vincitrici ci raccontano l’Italia che vogliamo e che ci impegniamo a costruire: un Paese che torna a credere e investire nel futuro”.

Il Presidente della Commissione esaminatrice Gianni Letta aggiunge: “È merito della Fondazione Marisa Bellisario dare risonanza a personalità che documentano la potenza positiva delle donne e il loro contributo alla crescita economica e morale dell’intera nazione. Sono orgoglioso di presiedere questa Commissione”.–

Altre notizie