13.2 C
Trapani
mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeAttualitàAeroporto, il Sindaco di Trapani scrive a Schifani

Aeroporto, il Sindaco di Trapani scrive a Schifani

Di Nicola Baldarotta

Un dibattito che sta coinvolgendo tanti attori della politica provinciale, quello attorno allo stato di salute dell’aeroporto Vincenzo Florio di Birgi. Il Sindaco Tranchida scrive al Presidente della Regione

Di stamattina la notizia che i soldi usati per la ricapitalizzazione di Airgest, cioè circa 4 milioni e duecento mila euro, potrebbero risultare illegittimi almeno secondo quanto si sta cercando di verificare sia in Regione che a Roma, a seguito della ventilata possibilità che la norma possa essere impugnata dal Consiglio dei Ministri.

Oggi pomeriggio, intanto, è il sindaco di Trapani, Giacomo Tranchida, a chiedere al presidente della Regione Siciliana Renato Schifani “l’urgente convocazione di un tavolo interistituzionale di confronto, esteso alle parti sociali e imprenditoriali”, dopo “la disputa instauratasi nei giorni scorsi tra l’imprenditore Valerio Antonini, anche patron delle società di basket e calcio trapanese, e il presidente dell’Airgest, Salvatore Ombra, circa la gestione dell’aeroporto Vincenzo Florio, in merito alla quale sono state evidenziate criticità e rappresentati nuovi scenari sugli assetti societari”.
Il sindaco sottolinea che “l’aeroporto ha sempre rappresentato una infrastruttura strategica per la Sicilia occidentale e punto di riferimento per l’intera cittadinanza riguardo la continuità territoriale con le isole minori”. Tranchida chiede rassicurazioni anche “sull’ipotesi di una futura vendita delle quote della società Airgest a privati” e nel contempo “trasparenza circa la gestione della società messe in dubbio dalla contesa in argomento”. In mancanza di risposte chiare da parte da parte della Presidenza della Regione, “il contrasto fra le due posizioni – spiega il sindaco – rischierebbe di acuire sentimenti campanilistici che getterebbero l’intero territorio in arcaiche contrapposizioni alimentate da antiche tifoserie che, soprattutto fuori dai campi da gioco, non aiutano a crescere questo territorio e la Sicilia intera”. 

- Advertisment -

Altre notizie