20.1 C
Trapani
martedì, Maggio 21, 2024
HomeAttualitàAumenti salariali per i dipendenti della Regione Siciliana

Aumenti salariali per i dipendenti della Regione Siciliana

di Serena Giacalone

E’ stato sottoscritto ieri il rinnovo del contratto collettivo regionale di lavoro 2019-2021 che si applica a tutti i dipendenti regionali del comparto non dirigenziale, degli enti e delle società collegati alla Regione. A darne notizia sono unitariamente le segreterie regionali dei sindacati rappresentativi – Cisl Fp, Cobas Codir, Fp Cgil, Sadirs, Siad Csa, Ugl Autonomie e Uil Fpl – dopo avere sottoscritto il Ccrl 2019-2021 presso la sede dell’Aran Sicilia guidata dal commissario straordinario Accursio Gallo.

A seguito di un lungo periodo di attesa, dunque si è giunti finalmente ad un accordo che prevede aumenti salariali che vanno da 61,82 a 145 euro al mese, a seconda della categoria economica.

Per le categorie A l’aumento medio è di circa 65 euro. Per le categorie B l’aumento medio è di circa 76 euro. Per le categorie superiori l’aumento medio è di 100 euro per le categorie C e di circa 120 euro per le categorie D.

I sindacati, ottenuto il risultato atteso, insistono adesso sull’importanza di avviare tempestivamente le procedure per la riclassificazione professionale, sottolineando che essendo stati stanziati i fondi necessari non ci sono più motivi per ulteriori ritardi. Le sigle chiedono inoltre che si proceda all’attivazione delle procedure per consentire le progressioni verticali del maggior numero di dipendenti possibili per dare il giusto riconoscimento ai tanti dipendenti che svolgono compiti di inquadramento superiore rispetto alle mansioni loro affidate.

Positiva la valutazione dei sindacati sul potenziamento dell’istituto delle posizioni organizzative e sull’introduzione dell’area delle elevate professionalità. “Quest’ultimo è un istituto che nel resto di Italia – commentano le sigle – inizia a essere attuato e che va nella direzione di una pubblica amministrazione capace di valorizzare le competenze e più efficiente nell’organizzazione. Una pubblica amministrazione, come la Regione Siciliana, fondamentale per la tenuta e il rilancio economico dell’Isola, d’altra parte, non può essere basata su un ordinamento professionale decontestualizzato e lontano dalle esigenze del futuro.”

Il presidente della Regione, Renato Schifani, ha enfatizzato l’importanza dell’accordo sottoscritto ieri per i dipendenti regionali, riconoscendo il loro impegno e sottolineando l’equità che questo rinnovo porta rispetto agli altri dipendenti pubblici italiani, dopo anni di attesa e negoziazioni.

- Advertisment -

Altre notizie