22.1 C
Trapani
domenica, Maggio 26, 2024
HomeCronacaMafia, annullata la confisca dei beni di Carmelo Patti

Mafia, annullata la confisca dei beni di Carmelo Patti

Gli inquirenti lo avevano indicato come uno dei prestanome del boss Matteo Messina Denaro. Ora il colpo di scena. La Corte di Appello di Palermo, sezione misure di prevenzione, ha annullato il decreto del Tribunale di Trapani che, nel luglio del 2018, aveva disposto la confisca dei beni di Carmelo Patti che nel frattempo è deceduto.

I giudici hanno escluso che l’ex patron della Valtur abbia avuto nel corso della sua attività rapporti di «vicinanza» con l’associazione mafiosa.

«Prendendo in considerazione il materiale probatorio – scrivono – complessivamente raccolto sia nel corso del primo grado che nel grado di appello deve escludersi che siano emersi concreti sintomi della pericolosità sociale del proposto, essendo rimasta dimostrata una vicinanza a soggetti, a loro volta vicini all’associazione mafiosa, in assenza di concreti elementi indiziari relativi a una cointeressenza di esponenti mafiosi nelle attività imprenditoriali di Patti».

La Corte ha anche escluso che Patti abbia costruito il suo impero con metodi illeciti «restituendogli, seppure post mortem, – dicono i legali – quella onorabilità ingiustamente macchiata nel corso dei 13 anni di processo di prevenzione».

Patti venne anche accusato di concorso esterno in associazione mafiosa, ma il procedimento fu archiviato su stessa istanza della Procura. «Si potrebbe dire che il tempo è galantuomo – proseguono gli avvocati dell’imprenditore – restano, però, i segni di una aggressione mediatica ingiustamente subita dal cavaliere Patti che è stato indicato al pubblico di molte trasmissioni televisive e dalla stampa nazionale come un imprenditore vicino al contesto mafioso di Castelvetrano».

«Il cavaliere Patti è deceduto incensurato ed è stato assolto da tutti i processi nei quali è stato chiamato a difendersi ed ha dedicato la sua vita al lavoro ed alla crescita delle sue aziende dopo essere emigrato al nord Italia all’età di 26 anni – conclude il collegio difensivo – Non ha mai reagito alle aggressioni mediatiche e non mai perso fiducia nella giustizia che oggi, finalmente, gli restituisce integralmente l’onorabilità».

- Advertisment -

Altre notizie