Marsala, Badia Grande: i beneficiari donano generi alimentari per l’Ucraina

56

I beneficiari del Sistema di Accoglienza e Integrazione del Comune di Marsala, ospiti delle strutture di contrada Dammusello e Pispisia gestite dalla cooperativa sociale Badia Grande, hanno donato generi alimentari a lunga conservazione e prodotti per i bambini ( latte in polvere, omogenizzati, pannolini) in favore del popolo ucraino.

Ieri una piccola delegazione di beneficiari, accompagnata dalle equipe dei due centri di accoglienza, hanno consegnato i sacchetti della spesa presso il Centro Operativo Comunale di Marsala, adiacente alla sede del Comando della Polizia Municipale.  Il centro è gestito dalla Protezione Civile, in collaborazione con la Croce Rossa, l’associazione Pantere Verdi e le  Guardie ambientali.

Ad accogliere la delegazione c’era Giovanni Pellegrino, responsabile del C.O.C. Alla raccolta per l’Ucraina partecipano attivamente diverse associazioni di volontariato del territorio, tra cui Libera-presidio di Marsala e l’Associazione Archè Onlus. I beneficiari, tramite l’associazione Archè con cui la cooperativa sociale Badia Grande ha una convenzione, si sono resi disponibili a partecipare attivamente come volontari nello smistamento dei prodotti raccolti ( generi alimentari a lunga conservazione, medicinali, prodotti per bambini e per l’igiene della persona) che partiranno entro la fine della settimana verso il confine con la Polonia. Il centro di raccolta è aperto nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì, mattina e pomeriggio.

“La solidarietà nei confronti di chi vive il dramma della guerra arriva ancora una volta da parte di chi è scappato dal proprio Paese, spesso per vicissitudini analoghe- dice Lorena Tortorici, coordinatrice del progetto SAI del Comune di Marsala-. E’ un piccolo gesto, ma dal significato profondo,  che i nostri beneficiari hanno fatto con tutto il cuore consapevoli del dramma di milioni di famiglie e di bambini in fuga dalle loro case, dalle loro città, dalle loro vite, alla ricerca di pace e di un futuro migliore lontano dalla loro terra”.