sabato, Giugno 15, 2024
17.1 C
Trapani
HomeAttualitàLe conversazioni letterarie: il filo di Arianna all’OTIUM in quattro appuntamenti nel...

Le conversazioni letterarie: il filo di Arianna all’OTIUM in quattro appuntamenti nel mese di marzo 2023: decliniamo il femminile

Alla Biblioteca Sociale Ex Libris di OTIUM, al 106 di Via XI maggio, Marsala, Sabato 18 marzo alle ore 17.00 il filo di Arianna giunge al suo terzo e penultimo appuntamento, ci incontriamo nel salotto Otioso per conversare con Francesca Picone, sul suo libro Penelope e con Jana Cardinale. Il verbo che ci accompagnerà è riordinare: versi, parole e pensieri.

La conversazione si allieta di interventi per musica e voce curati da Roberta Genna, promessa del panorama musicale locale, con le sue ibridazioni di sonorità siciliane con la saudade portoghese.

A conclusione delle conversazioni la Cantina Curatolo Arini presenterà un suo vino.

L’evento si svolge a partire dalle ore 17:00. È consigliata la prenotazione al wapp 3337277176.

Quota crowdfunding 5 euro.

FRANCESCA PICONE BIO BREVE Nasce (1960) e vive a Palermo. Lavora in una rinomata casa vinicola siciliana e si occupa di comunicazione. Ha scritto cinque romanzi: Il giudice sblindato (Prova d’Autore), La casa la caverna l’Isola (Coppola), La cugina Marisa (Prova d’Autore), Il dito ritrovato (Solfanelli), Viaggio nel sogno (inedito); e la silloge poetica Penelope (Tabula fati). Da sempre ha coltivato la passione per il teatro ha prodotto e realizzato lo spettacolo L’isola tratto dal suo romanzo pubblicato La casa la caverna l’isola (2013). Fa parte dell’associazione “Luminaria” con cui opera nell’ambito della cultura, letteratura e politica delle donne, periodicamente collabora alla realizzazione del “Foglio” rivista di cultura e politica prodotta dall’associazione Luminaria.

PENELOPE SINOSSI Che ne sarà di me in una terra che sotterra speranze di rinascita e uccide i sogni dei propri figli, dove lei attende il ritorno per tornare a sognare ed amare un ideale di amore: uomo amato per poco. L’angoscia della città che muore e risorge e crea orrori mandando al martirio uomini-pazzi inneggianti onestà. La terra dell’amore e dell’odio, dell’indifferenza dove ci si perde tra stradine tortuose, dove non si dovrebbe mai perdere la speranza e invece come una nube tossica un’esplosione di odio avvolge il mondo in guerre devastanti, un mondo dove gli uomini uccidono le donne che credono e difendono la loro integrità, i loro amori, i loro ideali. Penelope nel suo corpo malato aspetta che tutto si compia e il destino dell’uomo venga deciso dalle sorti di una umanità al declino, uno sguardo alla sua isola e uno al mondo e in questa estenuante attesa.

Altre notizie