Marsala, “La Buona Novella” con la sublime Antonella Ruggero apre la V rassegna “‘a Scurata”

98

Il concerto “La Buona Novella” apre la V rassegna “ ‘a Scurata – Memorial Enrico Russo”, con le parole e le melodie create da Fabrizio De Andrè e la sublime voce di Antonella Ruggero, con I Musicanti di Gregorio Caimi, Luana Rondinelli e la “sacralità” della Corale Carpe Diem diretta da Fabio Gandolfo. Venerdì 22 luglio, nell’antica Salina Genna, nella riserva naturale dello Stagnone di Marsala, alle ore 19,30, con replica alle 21,45, prenderà il via la kermesse che si protrarrà fino al 30 agosto.
La manifestazione ideata e organizzata dal Movimento artistico culturale città di Marsala – M.A.C., giunta alla V edizione, si terrà nel teatro a mare “Pellegrino 1880” – che prende il nome dalle Cantine Pellegrino, main sponsor della rassegna. Un luogo unico al mondo, un teatro assolutamente ecosostenibile che sorge all’interno di una vasca dell’antica Salina Genna, e che è completamente fatto di tufi, senza malte, né agglomeranti di alcun tipo, con sedute di legno e su un luminoso pavimento di sale. Dove gli artisti si esibiscono a pelo d’acqua e gli spettatori (in emiciclo) abbracciano le performance camminando sull’oro bianco che è il nostro sale, in un viaggio di luce che inizia dai passi per estendersi nella magnificenza del tramonto sulla riserva naturale dello Stagnone – ritenuto il quarto più bello al mondo –, che diviene scenario e spettacolo naturale al tempo stesso.
Il concerto “La Buona Novella” di Fabrizio De André in apertura della rassegna – spiega il direttore artistico Gregorio Caimi, che ha curato anche gli arrangiamenti – ha un valore fortemente simbolico. De André parlò del più grande rivoluzionario di tutti i tempi, Gesù Cristo, per riportare all’attenzione i valori delle rivoluzioni del ’68 e mantenerli vivi, per dare un senso che fosse sociale, culturale, capace di operare trasformazioni. Qui, Antonella Ruggiero, I Musicanti, Luana Rondinelli e la Corale Carpe Diem riportano quegli stessi valori nel cuore del Mediterraneo, in un luogo che è trionfo di bellezza, emblema della sinergia tra opera umana e natura: la salina. La rivoluzione è necessaria all’indomani (forse) di una pandemia e in un tempo funestato dalla guerra in Europa. Abbiamo bisogno di una “Buona Novella” che sia culturale e bellissima, che sia prossima al mare, inteso come “acqua che salva”. Un battesimo artistico per l’inizio di un nuovo capitolo dell’umanità. Un nuovo anno zero che passi dalla musica che è linguaggio universale”.
Biglietti per “La Buona Novella” solo su ciaotickets e presso “I viaggi dello Stagnone”. Posto unico € 25,00 + dp https://www.scurata.it/la-buona-novella-di-f-de-andre-22-luglio/
Il concerto sarà preceduto, alle ore 18,30, da una “Degustazione emozionale”: Giacomo Frazzitta – con Aldo Bertolino alla tromba e Franz Rallo al pianoforte – narrerà le meraviglie, le sensazioni e i sentimenti, ma anche le storie che si custodiscono dentro ad un calice dei pregiati vini delle Cantine Pellegrino. Per le degustazioni (le successive saranno il 2, il 4 e il 9 settembre) l’ingresso è su prenotazione. Per info telefonare al: 360656053

La kermesse si avvale del patrocinio del Comune di Marsala e dell’Assemblea regionale siciliana, e conta anche sull’apporto degli altri sponsor – oltre a Cantine Pellegrino – ossia Zicaffè, Medipower e Imera Imballaggi.
La rassegna intera è dedicata all’indimenticabile Enrico Russo che ha dato un eccezionale e ancora fruttuoso contributo alla crescita della cultura dell’arte e soprattutto del teatro nel nostro territorio.
Di seguito tutti gli spettacoli in cartellone:
29.07.22        MITA MEDICI In ELENA o della passione amorosa – h. 19,30 – biglietto 20 euro
Mita Medici sarà Elena, grande personaggio del mito greco, dopo averla interpretata in un film nel 2007, con Franco Nero, sempre con la regia di Salvo Bitonti, in una edizione pensata per il teatro sull’acqua delle Saline di Marsala. Nell’adattamento teatrale di Bitonti dall’originale di Euripide con echi da Ritsos, Elena, ormai dimenticata, vive in un grande teatro abbandonato dove compie un viaggio introspettivo. Gli eroismi, i sacrifici, le sconfitte e la stessa incomprensibilità della guerra sembrano non aver senso. Musiche a cura di Dario Arcidiacono. Scena: Scuola di Scenografia Accademia Albertina di Torino.
02.08.22        Osvaldo Lo Iacono con Antonino Saladino al violoncello e Giuseppe Zito keys – h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
Le note della chitarra elettrica di Osvaldo Lo Iacono – chitarrista siciliano da anni al fianco ad artisti quali Amii Stewart, Antonella Ruggiero e altri –  si fondono con le magiche sonorità del violoncello, tra suoni moderni e classici, atmosfere rarefatte e “liquide”.  Elementi naturali come pioggia e fuoco, prendono vita in un quadro multicolore di echi eterei ed affascinanti. Un viaggio tra composizioni originali, colonne sonore e classici del rock, che conquistano una nuova vita. Con: Osvaldo Lo Iacono – chitarra; Antonino Saladino – violoncello; Giuseppe Sito piano/keys.
05.08.22        Castello delle uova – “L’enigma del capitale” h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
Il castello delle uova nel 2020 pubblica su canali digitali il nuovo conceptL’enigma del capitale, ristampato nel 2021 in edizione limitata su CD per Seahorse Recordings. Dopo Appunti sonori per una cosmogonia caotica (per Ondarock fra i migliori album del 2007), nel 2001 il gruppo sceglie l’”asparizione“. Ora riappare dal vivo per raccontare i bombardamenti di Marsala del 1943, il martirio del sindacalista Vito Pipitone, l’impatto della crisi del 2008 con i musicisti: Abele Gallo batteria, Pietro Li Causi Chitarre, Benny Marano voce recitante, Ambra Rinaldo basso, Salvatore Sinatra piano elettrico e tastiere. Feat. Ninni Arini
08.08.22        Luana Struppa: concerto per Pianoforte “Sussurri al Tramonto” h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
Le note del pianoforte evocano nostalgie, rimpianti, luoghi sconosciuti, mete altrimenti irraggiungibili. Luana Struppa con Il Notturno op.27 n.2 di Chopin creerà un’atmosfera di serenità; con la Ballata op. 47 di Chopin ci porterà con eleganza nella profondità dell’animo umano; con la Barcarolle op. 60 evocherà il canto dei gondolieri veneziani. Eseguirà poi, Mormorii della Foresta e il Sonetto “Pace non trovo” di Listz dai tratti drammatici e appassionati; “Sogno d’Amore”: invito all’amore eterno e ancora brani dallo Schiaccianoci di Ciaikovsky per renderci protagonisti di una favola.
11.08.22        “Over the rainbow….un viaggio da Broadway ad Hollywood” h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
Un viaggio musicale fra le pagine dei più celebri musical della storia, ma anche attraverso brani tratti da altri spettacoli meno famosi eppure decisamente altrettanto interessanti: da Sondhaim a Bernstain, da Webber a Porter e non solo.  Diretto da Giuseppe Li Causi e prodotto dall’Ass. Carpe Diem, “Over The Rainbow” è una macchina musicale del tempo tra luci della ribalta e partiture che sono veri capolavori del genere.
16.08.22        Io Sono Io…Modugno! h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
Un viaggio tra le canzoni di Domenico Modugno che descrive la vita di uno dei tanti giovani di provincia pronti ad affrontare ogni traversia per realizzare il sogno di diventare artista. Spettacolo interpretato dal cantautore Ninni Arini, propone un alternarsi di momenti comici e melanconici, gioiosi e suggestive evocazioni poetiche. Io Sono Io…Modugno! rappresenta chiunque desideri “Volare” ma che non sempre sa di avere le ali. Con Ninni Arini, Giuseppe Angotta, Francesco Virgilio.  Arrangiamenti e direzione musicale di Aldo Bertolino.
19.08.22Maremostro – Compagnia Teatrale Siparioh. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
Con 12 canzoni e la band dal vivo l’Ass. Sipario porta in scena la contrapposizione tra il sereno azzurro marenostro e il MAREMOSTRO al largo di Lampedusa che si trasforma in sterminato cimitero per i fratelli migranti africani. Spettacolo scritto e diretto da Vito Scarpitta, pone il quesito dell’identità del nostro Paese non sempre accogliente; “a causa della crisi della società liberista. E gridiamo disperatamente «dov’è lItalia», quasi stentassimo a trovarla, come i genitori di una fiaba stentano a trovare il figlio in una foresta fitta”. 

23.08.22        “L’assedio di Ilio” – h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
Replica h. 21,45
Ass. culturale ARCO – Scritto e diretto da Giacomo Frazzitta
Con Chiara Vinci e Federico Caruana e Musiche dal vivo di Dario Silvia
La storia, la poesia di tremila anni fa e le mitiche vicende omeriche si fondono con la libertà della musica Jazz creando un suggestivo ponte che valica tempo e spazio. Ne “L’assedio di Ilio”, scritto e diretto da Giacomo Frazzitta, le gesta degli eroi della conquista di Troia si intrecciano con il centrale ruolo delle donne. “Qui noi aggiungiamo la nostra voce – spiega l’autore –. La scena, dominata da un enorme cavallo, strumento d’inganno e vittoria, ha, come colonna sonora dal vivo, la musica Jazz, simbolo di libertà”. In scena Chiara Vinci e Federico Caruana. Musiche di Dario Silvia.
26.08.22        “…Ed io l’amavo” di Chiara Putaggio con Adriana Parrinello – regia  Francesco Stella – h. 19,30- biglietti 15 euro zona A – 12 euro zona B
L’operato, la missione del sindacalista marsalese ucciso dalla mafia nel 1947, Vito Pipitone, ma anche la sua vita personale raccontate dagli occhi di sua moglie, Filippa Di Dia. Un monologo in siciliano, intimo e sincero – scritto da Chiara Putaggio, interpretato da Adriana Parrinello con la regia di Francesco Stella – dove una donna svela cosa c’è dietro il sacrificio di chi crede nella giustizia. Musiche di Gregorio Caimi per cantare l’anima di quella Marsala, all’indomani dalla seconda guerra mondiale e di una famiglia, di una donna, che “amava suo marito”.
30.08.22        Mario Venuti “SOLO” h. 19,30 – biglietto 25 euro
Mario Venuti suona la sua anima “SOLO”, con chitarra e voce. Strumenti che dipingono i 30 anni di carriera dell’artista catanese, di musica italiana che si intinge nel mondo, che con la sua vocalità abbraccia le sonorità brasiliane e sudamericane. Occasione unica di toccare la profonda identità artistica e umana di un musicista secondo cui “il pop è un termine nobile, che unisce Domenico Modugno e Luigi Tenco, Elvis Costello e i Talking Heads, i Beatles e Lucio Battisti”. Immancabili i suoi pezzi storici, ma anche i nuovi successi nell’arrangiamento più puro, quello in cui sono nati, e proporrà inoltre canzoni che del nuovo disco “Tropitalia”.