Destinazione Sicilia: partire, restare, tornare. Giovani, cultura e istruzione vera cura per la corruzione’, nel PD

59

Il circolo Pd online Nilde Iotti, dopo la grande partecipazione alle prime Agorà democratiche, organizzate in presenza e online, ha voluto riproporre un altro momento di confronto, la terza Agorà che ancora una volta parlerà di Giovani, troppo spesso non coinvolti dalla politica, tagliati fuori dal dibattito, con scarse misure a sostegno della loro istruzione, della formazione per il loro futuro.

L’Agorà, dal titolo “ Destinazione Sicilia: partire, restare, tornare. Giovani, cultura e istruzione, vera cura per la corruzione”, é stata organizzata per aprire un confronto sulla corruzione che, nella nostra terra, si é trasformata da fenomeno sporadico a fenomeno endemico, dilagante. Molti giovani scelgono di scappare dalla Sicilia, andare oltre l’Italia e impiantarsi stabilmente all’estero, dove una percentuale molto più bassa di corruzione consente di avere più diritti, più meritocrazia.

Trovare misure di prevenzione, oltre che di cura, é l’unico modo per ridurre la corruzione. Tra queste non possiamo dimenticare di puntare sulla formazione dei giovani. Sulla cultura. Sono loro a sviluppare gli anticorpi contro questa terribile malattia. I giovani dovrebbero aver capito che l’unico strumento per guarire è lottare contro questo virus e non arrendersi.

La corruzione, infatti, è, allo stesso tempo, fonte e conseguenza di inefficienza, negligenza, incompetenza, sprechi e deve essere contrastata con la formazione, la preparazione, il merito, che, a loro volta, producono efficienza, diligenza, competenza, risparmi. Occorre trovare misure per far si che si sviluppi sempre più l’impegno dei giovani contro il fenomeno della corruzione. In tanti sono sconfortati per le esperienze vissute, con le pubbliche amministrazioni, con i concorsi pubblici, con esperienze politiche, ma anche già solo nella vita quotidiana. Dalla gestione della piccola burocrazia fino ad arrivare a quella più grande della politica e della giustizia.

La corruzione oggi è divenuta parte integrante della nostra vita, si é normalizzata, tanto da esser scambiata, addirittura, come un mezzo od uno strumento per facilitare la nostra invivibile quotidianità. Nei casi più gravi funge da passpartout per avere diritto ad un posto letto in ambito sanitario o per avere un posto di lavoro.

La corruzione è l’antagonista della meritocrazia, è il cancro di quella parte di società composta dalle persone che hanno difeso, creduto e lottato per i valori della giustizia, della lealtà, della cultura, del rispetto, dell’etica sociale, del bene comune, dello stato di diritto. L’anticorruzione è la “medicina” per curare e limitare quel cancro sociale.

Ma l’obiettivo principe dell’anticorruzione è arrivare a tutti.

Vogliamo confrontarci con i giovani proprio perché sono loro il vero cambiamento e se, al contrario, decidessero di omologarsi e di “inchinarsi” alle logiche della corruzione, non farebbero altro che contribuire all’invecchiamento ed alla regressione di questo Paese.

I giovani, più di tutti, devono essere arrabbiati, offesi, devono ribellarsi ed andare contro corrente. Perché ai giovani, più di tutti, la corruzione, e tutte le necessarie conseguenze della stessa in tutti gli ambiti della nostra quotidianità, sta sottraendo il futuro.

L’unica speranza e la sola scelta è quella di puntare sulla cultura, esser formati e informati e schierarsi dalla parte più difficile e più incerta: dalla parte dell’Anticorruzione.

Solo così si potrà fermare quel fenomeno galoppante della partenza dei giovani, risorsa necessaria per il nostro paese.

Di tutto ciò parleremo con l’eurodeputata Caterina Chinnici, con il contributo di una giovane siciliana, Elvira Adamo Ricotta, già sindacalista e co-founder di una associazione di interesse nazionale, che vive a Roma, per lavoro, già da qualche anno.

L’iniziativa verrà introdotta da un giovane marsalese studente de “La Sapienza”, con gli interventi di Anthony Barbagallo, segretario regionale, Daniele Vella, responsabile delle Agorà Sicilia e di Domenico Venuti, segretario provinciale del Partito democratico. Il dibattito verrà moderato dalla coordinatrice del circolo, Linda Licari, e sarà aperto a quanti vorranno dare il loro contributo.

L’Agorà si potrà seguire sulla piattaforma Google Meet, Link alla videochiamata: https://meet.google.com/bhb-ivzz-xqi

Per il circolo Pd online Nilde Iotti

la coordinatrice

Linda Licari