18.2 C
Trapani
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeCronacaMaltrattamenti, la denuncia di Enrico Rizzi arriva in Parlamento

Maltrattamenti, la denuncia di Enrico Rizzi arriva in Parlamento

A qualcuno il video da me diffuso sulla corsa clandestina di cavalli non è piaciuto. Queste persone sappiano che non mi fermerò mai”. Lo ha detto il trapanese Enrico Rizzi, influencer per i diritti degli animali, dopo che alcuni soggetti legati all’ambiente dell’ippica, hanno trovato la maniera di mettersi in contatto con lui. È successo sia ieri, dopo aver reso noto il video della corsa clandestina di cavalli svoltasi nel catanese, che nei giorni scorsi quando lo stesso Rizzi è duramente intervento a seguito del ritrovamento di un cavallo morto nella circonvallazione di Palermo, luogo già noto proprio per le corse illegali di cavalli. Intanto, nella giornata di ieri, il “caso Sicilia”, relativo proprio ai maltrattamenti di animali, èapprodato in Parlamento. L’ onorevole Francesco Borrelli di Alleanza Verdi e Sinistra, è intervenuto nel corso della seduta, riferendo del livello di allarme ormai assunto dal fenomeno anche in riferimento ai colpi di pistola che sono stati esplosi nel corso della competizione illegale. Il parlamentare, nel sottolineare la rilevante gravità, ha rilevato quella che ormai appare come una vera e propria incongruenza linguistica, ossia continuare a definire “clandestine” tali corse, quando di fatto avvengono alla luce del sole e in pubblica via. Sempre nella giornata di ieri, lo Studio legale Alessio Cugini Borgese ha inoltrato formale richiesta alle Autorità preposte, invitando a innalzare il livello di vigilanza già in atto per lo stesso Rizzi fin dal 2016. Proprio a causa della sua attività in difesa degli animali, Rizzi ha dovuto subire pesanti minacce tra le quali lettere minatorie, avvertimenti con danneggiamento di auto e finanche animali morti impiccati presso la sua abitazione. “Ad ogni modo stiano tutti tranquilli – ha concluso Rizzi – Denuncerò sempre ogni maltrattamento di animali. Le minacce con me ottengono l’effetto opposto”.

- Advertisment -

Altre notizie