Home Attualità Al Parco Archeologico di Segesta si conclude il ciclo di ricerche della...

Al Parco Archeologico di Segesta si conclude il ciclo di ricerche della Scuola Normale Superiore di Pisa

Al Parco Archeologico di Segesta, diretto dall’archeologa Rossella Giglio, si conclude il fruttuoso ciclo di ricerche condotte con la Scuola Normale Superiore di Pisa, con la quale si consolida una più che decennale e fruttuosa collaborazione.

La sessione di scavi, avviata il 3 maggio, ha visto in campo l’équipe della Scuola Normale di Pisa, con studenti specializzandi e dottorandi provenienti da varie università.

In particolare sono riprese le indagini nell’Agorà con i suoi edifici pubblici dove sono stati fatti importanti ritrovamenti. Le indagini sono state dirette dalle Prof.sse Anna Magnetto (Direttrice Laboratorio SAET, Scuola Normale Superiore) e Maria Cecilia Parra (docente di Archeologia della Magna Grecia e della Sicilia antica, Università di Pisa) e coordinate sul campo dal Dott. Riccardo Olivito (ricercatore IMT di Lucca); Carmine Ampolo, Professore Emerito della Scuola Normale, è stato presente, come già in passato, per lo studio del materiale epigrafico e degli aspetti storici.

Gli esiti di quest’ultima fruttuosa campagna sono stati illustrati questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta all’interno del Parco di Segesta.


“La collaborazione tra istituzioni da sempre buoni frutti. Lo sperimentiamo quotidianamente nel corso delle molte attività in cui cerchiamo di realizzare l’impresa più difficile in Sicilia: riuscire a realizzare reti di collaborazione. La decennale collaborazione tra il Parco di Segesta e la Scuola Normale di Pisa – sottolinea l’assessore dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – è testimonianza concreta di una relazione che quest’anno si è rivelata particolarmente fruttuosa e ricca di importanti scoperte: l’ingresso del monumentale accesso all’agorà con l’iscrizione rinvenuta qualche settimana fa e, da ultimo, la base di una statua perfettamente conservata e leggibile, sono elementi molto interessanti che invitano a proseguire nella strada di ricerca intrapresa, e brillantemente condotta, dall’entusiasta direttrice del Parco, Rossella Giglio”.


I ritrovamenti sono visitabili anche grazie alle opere di miglioramento e ai nuovi camminamenti realizzati all’interno del Parco durante il periodo di chiusura.


La piazza – Agorà – fu costruita, dal II secolo a.C., su tre terrazze digrandanti rifacendosi a modelli urbanistici e monumentali diffusi nelle città e nei santuari del Mediterraneo, dall’Asia Minore all’area egea e a quella italica.


Lo scavo è stato condotto sul versante meridionale della grande piazza, dove un portico (stoà) monumentale chiudeva l’agorà. Il portico è stato realizzato facendo grandi tagli nella roccia con possenti opere di sostruzione lungo il pendio, un complesso imponente quanto quello sul lato nord riportato alla luce negli anni passati. Un portico superiore si affacciava sulla piazza e un corpo monumentale aveva una facciata a livello inferiore su un percorso viario. Qui si apriva un’ampia porta d’accesso, con vani che avevano un’importante funzione pubblica.

“Una campagna entusiasmante e ricca di preziose rivelazioni, come testimonia la direttrice del Parco di Segesta Rossella Giglio. Grazie alle nuove scoperte sappiamo oggi che chi entrava poteva leggere su una base, che è stata conservata al suo posto originario, il nome e le opere di un personaggio di spicco a Segesta, uno di quelli che, tra II e I sec. a.C. sostennero finanziariamente e curarono monumentali opere di edilizia pubblica. Si tratta della base, che nel corso degli scavi è stata ritrovata in buono stato e leggibile, di una delle statue fatte erigere da Diodorogià noto per aver fatto realizzare la statua della sorella, sacerdotessa di Afrodite Uranìa, rinvenuta presso il tempio dorico nel XVII secolo”.


Un’altra iscrizione greca, riemersa durante gli scavi in prossimità della porta, arricchisce il quadro delle testimonianze di munificenza per la comunità (evergetismo) della Segesta ellenistico-romana: vi compare lo stesso nome che era iscritto su una base di statua (che oggi si trova a Palermo) nel teatro di Segesta, forse quello del suo finanziatore. Tutte queste testimonianze mostrano chiaramente il ruolo che avevano le grandi famiglie nella storia della Sicilia antica.

Ultime notizie in diretta

Il sindaco di Partanna lancia il Manifesto per il territorio trapanese

Nasce quale frutto di una profonda riflessione nel corso di un lungo periodo...

Flaxilla Filingeri, dell’ASD Atletica leggera SPRINT, scelta per il Logo del Centenario dei campionati regionali della Fidal Sicilia

Si chiama Flaxilla Filingeri, la giovanissima atleta iscritta all’ASD Atletica leggera SPRINT, presieduta...

Via Biscottai, la “Mano del Miracolo di Sant’Alberto” sta scomparendo

di Mario Torrente "La Mano sta scomparendo". Salvatore Accardi, ricercatore...

Sconfitta per la Pallacanestro Trapani che cade a Piacenza 77-64

Assigeco Piacenza vs 2B Control Trapani 77-64 Parziali: (15-14; 29-32; 54-46;...

Celebrata la festività di Santa Barbara. Il 4 dicembre patrona dei Vigili del Fuoco

“Purtroppo anche quest'anno la festività di Santa Barbara risente del momento particolarmentedifficile per...

Resta l’allerta meteo

Questo pomeriggio la Protezione Civile ha diramato un nuovo avviso di allerta meteo...

Super Green Pass: da domani i controlli straordinari predisposti dalla Prefettura di Trapani

La prefettura di Trapani ha adottato un piano di controlli, a campione, perché...

Le tre domande della domenica con il sindaco Francesco Stabile

Per la rubrica "Le tre domande della domenica" l'intervista al sindaco di Valderice...

Licata-Trapani 3-1: sconfitta dei granata

LICATA (3-5-2): Moschella; Calaiò, Orlando, Cappello; Mazzamuto, Currò (65' Ficarra), Aprile, Caccetta, Mannina;...

Altre Notizie di Oggi

Marsala. Sequestro di beni ad uno spacciatore di 38 anni

Agenti dell’Anticrimine della Questura di Trapani, hanno eseguito, a Marsala, un sequestro di beni, per un valore di 500mila euro a carico...

Violenza di genere. Due distinti interventi a Trapani.

I Carabinieri di Trapani hanno arrestato per atti persecutori, un uomo di 53 anni, ponendolo agli arresti domiciliari su ordine del Gip...

Alcamo. Malato di Alzheimer si smarrisce, ritrovato dai carabinieri

Qualche giorno fa una coppia di coniugi ottantenni di Mazara del Vallo ad Alcamo per ragioni personali, nei pressi di Piazza Ciullo...

Immigrazione clandestina, convalidato fermo di cittadino tunisino

L’attività della Guardia di Finanza fa riferimento ad un intervento di una motovedetta che il 23 novembre scorso è stata dirottata a...

Marausa: tampona auto e fugge. Rintracciato e denunciato dai Carabinieri

I Carabinieri di Napola sono intervenuti nella frazione di Marausa a seguito di un incidente stradale in cui il conducente di un’auto...

Pantelleria, rientra illegalmente in Italia e tenta di prendere un volo

I Carabinieri di Pantelleria hanno arrestato un cittadino tunisino di 33 anni per il reato di ingresso illegale nel territorio dello Stato...
Trapani
cielo coperto
10.5 ° C
11.6 °
10.2 °
76 %
6.1kmh
97 %
Lun
11 °
Mar
13 °
Mer
16 °
Gio
12 °
Ven
12 °