Alessandro Ingarao vince il Torneo Nazionale Open Maschile, organizzato dalla Società Canottieri Marsala

99

Anche quest’anno la Società Canottieri Marsala, presieduta da Tommaso Angileri, ha organizzato il Torneo Nazionale Open Maschile di tennis. A partire dal 3 luglio e fino al 17, i tennisti in gara si sono contesi sul campo da gioco un montepremi di ben 4mila euro, così ripartito: vincitore € 1.200, finalista € 800, perdenti alle semifinali € 500, perdenti ai quarti di finale € 250.
Sono state registrate circa 70 iscrizioni, con la presenza di ben 16 giocatori di seconda categoria, a dimostrazione del fatto che questo torneo è diventato un punto di riferimento per i giocatori siciliani e nazionali. Quest’anno la competizione è stata aperta anche ai giocatori a partire dalla classifica 4NC. Il pubblico ha accompagnato con grande entusiasmo ogni mach, con particolare interesse alle semifinali tra Alessio Di Mauro e Alessandro Ingarao e tra Sebastiano Cocola e Antonio Campo. Seguitissima soprattutto la finale che ha decretato la vittoria di Ingarao contro Antonio Campo, battuto 61 75. Tra i migliori giocatori, in campo c’era anche il giovanissimo Sebastiano Cocola, di appena 16 anni, che ha perso contro Campo, ma che ha dimostrato una grande preparazione tecnica.
Fondamentali per la realizzazione di questo torneo sono stati: gli sponsor MEDICAL CENTER, RI.FRA, ENODORO, MEDIEDIL, che amano questo sport e questo torneo, ritenuto ormai dai giocatori una tappa del Circuito Nazionale Open da non perdere; il presidente Tommaso Angileri, Francesco Pulizzi, il giudice di gara Massimiliano Ditta e tutto lo staff di segreteria.

Prima della finale del torneo, inoltre, si è svolta una dimostrazione di tennis a rotelle: i finalisti hanno giocato in campo con Beatrice Draghici, giocatrice di tennis internazionale, che a soli 14 anni è già finalista al Trofeo Kinder di Roma, e con Martina Fazio, giocatrice esordiente. È stato un momento molto emozionante che si è concluso con la consegna di una maglietta con la dedica di Salvo Caruso, fratello di Antonio, che ha partecipato al torneo.