Controlli nei cantieri

322
Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro

Controlli dei carabinieri in materia di sicurezza dei luoghi di lavoro. Cinque persone denunciate e sanzioni per oltre 40mila euro.

I carabinieri delle stazioni di San Vito Lo Capo e di Campobello di Mazara, in collaborazione con i colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Trapani, hanno operato una serie di controlli per contrastare il fenomeno del lavoro nero e per la tutela della salute dei lavoratori. In particolare nei due comuni sono stati posti sotto controllo alcuni cantieri edili. Cinque imprenditori del settore sono stati denunciati in stato di libertà. I militari hanno rilevato gravi violazioni delle normative in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro e di contrasto al lavoro irregolare. Gli imprenditori sono stati denunciati, a vario titolo, per non aver recintato l’accesso ai cantieri, non aver predisposto con opportuni parapetti i lati prospicienti il vuoto, non aver avviato a visita medica i dipendenti non regolarmente assunti, non aver fornito ai lavoratori una adeguata formazione ed informazione su rischi connessi all’attività, non aver consegnato ai dipendenti i dispositivi di protezione individuale, non aver munito i ponteggi metallici di robusti parapetti e tavole fermapiede; non aver fissato correttamente i tavolati piani di calpestio e non aver rimosso materiale ed attrezzature non occorrenti dal piano di calpestio dei ponteggi. Sono stati individuati complessivamente 7 lavoratori italiani in nero su 16 presenti. Oltre ad aver proceduto alla denuncia dei legali responsabili dei cantieri oggetto di controllo, i carabinieri del NIL hanno adottato cinque provvedimenti di sospensione di attività imprenditoriale e comminato ammende per quasi 29mila euro e sanzioni amministrative per poco più di 42mila euro.