10.6 C
Trapani
mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeAttualitàLe sfide del trasporto ferroviario in Sicilia

Le sfide del trasporto ferroviario in Sicilia

di Serena Giacalone

Un’Italia che corre a due velocità lungo i binari fra treni che hanno più di 18 anni, linee sospese o chiuse da tempo e ritardi. È questa la fotografia scattata dal rapporto «Pendolaria 2024» di Legambiente. Il divario fra Nord e Sud comincia dall’età media dei convogli: al Sud è di 18,1 anni mentre al Nord è di 14,6 anni. La situazione ferroviaria in Sicilia, poi rappresenta l’emblema delle sfide affrontate dalla rete ferroviaria italiana. La regione infatti si trova ad affrontare una serie di criticità, tra cui la presenza predominante di treni circolanti su binario unico esattamente  l’85% di tutta la rete ferroviaria siciliana.  Se poi si unisce questa realtá alla scarsa elettrificazione dei 689 chilometri di linea (pari al 46,2% del totale), la situazione si traduce inevitabilmente in tempi di percorrenza estremamente lunghi e inefficienti per i passeggeri.

L’esempio più evidente di queste difficoltà lo si trova facilmente nella provincia di Trapani con il tragitto da Trapani a Ragusa, che richiede ben 13 ore e 14 minuti di viaggio e  che addirittura coinvolge il cambio di ben 4 treni regionali.  Insomma nello stesso lasso di tempo un trapanese potrebbe andare a New York facendo un solo scalo a Roma.

Ovviamente questo disagio si traduce in una maggiore dipendenza da fonti non sostenibili e in un impatto ambientale più elevato rispetto alle soluzioni di trasporto più ecologiche. È proprio per questo Legambiente, ha rivolto un appello al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, sottolineando l’importanza di trasformare il tema del trasporto ferroviario nel Mezzogiorno, in particolare in Sicilia, in una priorità assoluta. “È essenziale potenziare le linee ferroviarie con l’introduzione di nuovi treni, l’elettrificazione delle tratte e una maggiore efficienza nei collegamenti terrestri e marittimi.” Queste le parole riportate in una nota di Legambiente.

Per garantire una mobilità più sostenibile, accessibile e dignitosa per i cittadini siciliani, è dunque fondamentale promuovere investimenti mirati nelle infrastrutture ferroviarie, con un focus sulla modernizzazione della flotta  e sull’implementazione di collegamenti più veloci ed efficienti.

- Advertisment -

Altre notizie