Denise: l’ex capo della squadra mobile di Trapani, Linares, ascoltato oggi al processo al Pm Angioni in Tribunale a Marsala

443

Sono state due le persone ascoltate oggi in tribunale a Marsala nell’ambito del processo all’ex PM Maria Angioni, imputata per per falsa testimonianza nell’ambito delle indagini sulla scomparsa di Denise Pipitone: Giuseppe Linares,ex capo della Squadra Mobile di Trapani e attualmente alto funzionario del ministero dell’Interno, e Antonio Sfameni, all’epoca dei fatti dirigente del commissariato di polizia di Mazara e adesso capo della Squadra mobile di Catania. Linares, in particolare, ha dichiarato che “Fino al 4 settembre 2004, Piera Maggio e Piero Pulizzi non dissero che Denise non era figlia di Antonino Pipitone. Solo il 4 settembre, dopo che il pm chiese la prova del Dna, Piera Maggio rivelò che a bambina era figlia di Pietro Pulizzi e che Anna Corona (ex moglie di Pulizzi) era per questo arrabbiata con lei. E ciò provocò un ritardo nelle indagini». Alla rivelazione era presente, tra gli altri, Tony Pipitone, ex marito di Piera Maggio, accompagnato dalla moglie, Marisa. «Anna Corona – ha aggiunto il teste – venne ascoltata da due ufficiali dei carabinieri la stessa sera dell’1 settembre 2004, il giorno in cui sparì Denise Pipitone, ma la madre della bambina (Piera Maggio) ha eluso per due giorni ogni informazione negando la relazione sentimentale con Piero Pulizzi, che a sua volta aveva definito “dicerie” quelle voci». Corona è stata indagata nei mesi scorsi per la scomparsa della bambina, ma il gip, accogliendo la richiesta della Procura, ha archiviato l’indagine. La prossima udienza è in programma  il 23 giugno. Verranno ascoltati Maria Angioni e due testi della difesa, rappresentata dagli avvocati Stefano e Andrea Pellegrino.