Da Marettimo, in occasione del “Fridays for future”, un appello con pulitura dei fondali marini

138

Da Marettimo, in occasione dello sciopero per il clima “Fridays for future”, l’associazione Solemar ha lanciato un appello con un’iniziativa di pulitura dei fondali marini. Un ringraziamento è stato rivolto per la collaborazione al diving center Stella Marina e al club subacqueo di Bassano del Grappa, che si è materialmente adoperato con circa 7 sub per la pulitura dei fondali dello specchio acqueo del porticciolo a sud di Marettimo. “Siamo costantemente impegnati su questo fronte e soprattutto – dice Cettina Spataro della Solemar – riteniamo utili tutti gli appelli e le occasioni che ci consentono, grazie all’opera di molti volontari, di salvare il nostro mare dall’eccessivo abbandono di plastica”. Sull’argomento si è espressa anche Marina Lipari, che ha partecipato alla Summer School promossa in Islanda e che ha quindi contribuito alla realizzazione dell’iniziativa di oggi “Marettimo for Climate”.
Nel contesto della Settimana Globale per il futuro, oggi anche Marettimo, quindi, ha partecipato con un gesto “green”. Non uno sciopero o una protesta, bensì un’attività che, grazie al Diving Stella Marina, si svolge ogni anno e che è stato ripetuto proprio oggi in un contesto di coinvolgimento globale.
Un gruppo di subacquei della Marilù si sono immersi nel porto dell’isola con il fine di raccogliere plastica, rifiuti, oggetti inquinanti e tutto ciò che di non naturale risiedesse in quel fondale.
“Con quest’iniziativa non avremo certo ridotto le emissioni di Co2 da parte di una potenza mondiale – dice Marina Lipari – ma abbiamo, con la nostra piccola «green action», contribuito ad alcuni dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite. In particolare il SDG numero 14 vuole che si preservino oceani e mari per uno sviluppo sostenibile, e da dove iniziare se non dalle piccole meraviglie a contatto diretto con il mare che danno esempio e dimostrazione di come a volte basta davvero un piccolo gesto per fare la differenza?”.