Europeade 2021, l’evento dentro l’evento: c’è la Protezione Civile

274

Si è messa in moto la macchina organizzativa dell’Europeade, l’evento che si terrà a Trapani nel luglio del 2021.  

A Palazzo del Governo si è tenuto il primo vertice ufficiale, promosso dal prefetto Tommaso Ricciardi, a cui hanno partecipato i vertici nazionale della Protezione Civile, a partire dal direttore generale Miozzo fino ad arrivare dirigente regionale Foti. Presenti, oltre al sindaco di Trapani Tranchida e gli assessori Patti, D’Alì e La Porta, anche l’ingegnere Enzo Loria, oggi consulente a titolo gratuito dell’amministrazione comunale del capoluogo. Loria, ex dirigente della Protezione Civile ed in attivo un lungo curriculum anche con interventi per calamità naturali, è stato chiamato ad occuparsi della gestione della macchina organizzativa dell’Europeade per conto del Comune. Di fatto farà da trade-union tra Palazzo D’Alì, Palazzo del Governo e la Protezione Civile, che avrà un ruolo di primo piano per l’evento di luglio 2021. Con un vero e proprio evento dentro dentro l’evento, ovvero una mega esercitazione di Protezione civile, con uno o più campi appositamente allestiti, che sarà fatta a Trapani nel luglio del 2021 in occasione dell’Europeade. Attorno a cui potrebbero ruotare anche altre iniziative in tema di volontariato. Per l’incontro annuale dedicato alle danze e musiche folkloristiche sono attese nel capoluogo cinque mila persone, più l’indotto al seguito dei trecento gruppi ed il pubblico previsto, si stima tra i 75 e le 100 mila presenze. Numeri da capogiro, che finiscono col chiamare in causa l’intera provincia di Trapani. Tant’è che al vertice i Prefettura sono stati invitati a partecipare i sindaci di altri comuni. Ad questo primo incontro si sono presentati i primi cittadini di Erice, Valderice e Paceco. Ma anche altre città saranno chiamate in partita, a partire da Marsala. Ma si punta a coinvolgere anche Mazara del Vallo, Salemi, San Vito Lo Capo, Buseto Palizzolo, Custonaci e Favignana. C’è insomma forte domanda di ricettività per accogliere la grande mole di pubblico attesa. Ma come prima cosa bisogna pensare a dove far stare i cinque mila artisti che faranno prendere forma all’Europeade. Come aree per le esibizioni e per l’allestimento dei campi della Protezione civile ci sono varie ipotesi in campo, a partire da piazzale Ilio e piazza Vittorio Emanuele, passando per Caserma Giannettino, il campo Coni, lo stadio provinciale, il campo bianco ed il Polo Universitario. Già sono stati fatti primi sopralluoghi e stilata l’agenda di lavoro per pianificare le prossime scadenze, a partire dalla definizione del comitato organizzatore e la firma del contratto tra il Sindaco di Trapani ed i vertici del Comitato internazionale di Europeade, programmata per fine novembre.

Mario Torrente