Papa Francesco nomina don Alessandro Damiano Arcivescovo

1162

Papa Francesco ha nominato il vicario generale della Diocesi di Trapani, don Alessandro Damiano, Arcivescovo coadiutore dell’Arcidiocesi di Agrigento.

L’annuncio della nomina oggi, presso il Palazzo Vescovile di Trapani da parte del vescovo Pietro Maria Fragnelli, alla presenza del Collegio dei Consultori e dei Vicari foranei della Diocesi. Contemporaneamente ne ha dato notizia la Sala Stampa della Santa Sede e l’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro.

LE INTERVISTE A DON ALESSNDRO DAMIANO ED AL VESCOVO PIETRO MARIA FRAGNELLI

L’ANNUNCIO DEL VESCOVO FRAGNELLI

“Pochi giorni fa, mentre l’altalena dei media sui numeri e le conseguenze sociali della pandemia ci teneva occupati e preoccupati, una telefonata del tutto imprevista ha raggiunto il Vicario Generale e me – ha detto il vescovo – il Rappresentante del Papa in Italia, il nunzio apostolico Sua Eccellenza Mons. Paul Emil Tscherrig, ci comunicava la sorprendente notizia della nomina di don Alessandro Damiano ad Arcivescovo Coadiutore dell’Arcidiocesi di Agrigento. Momento iniziale di panico, poi lento assestamento di qualcosa che squarcia orizzonti personali e comunitari, istituzionali e sociali. Abbiamo pregato con umiltࠥ fiducia nella cappella dell’Episcopio. Ora siamo qui per le comunicazioni ufficiali alla Diocesi. – ha continuato – Il primo pensiero va a Papa Francesco. Lo ringraziamo vivamente perch鬠volendo rispondere al desiderio del Card. Francesco Montenegro che gli ha chiesto un aiuto stabile, ha rivolto la sua attenzione al clero della nostra diocesi”.

BREVE  PROFILO DEL NUOVO ARCIVESCOVO COADIUTORE ELETTO

Don Alessandro, trapanese, 59 anni 蠶icario generale dal 2014. Ordinato presbitero nel 1987 dopo gli studi presso il Seminario Romano Maggiore, 蠳tato parroco moderatore della prima esperienza di Unit࠰astorale in Diocesi nei primi anni ’90 . Nel 1998 蠳tato nominato Cancelliere della Curia Vescovile e direttore dell’Ufficio catechistico. E’ stato parroco in diverse realtࠤella cittadine tra cui la parrocchia di Cristo Re, nel popolare rione di San Giuliano a Casa Santa e poi anche a Santa Teresa del Ges Bambino e Maria Ausiliatrice.  Difensore del vincolo e poi Vicario giudiziale della Diocesi, attualmente ricopre anche l’incarico di giudice presso il Tribunale ecclesiastico regionale siculo.

Il MESSAGGIO DI DON ALESSANDRO AL CARDINALE MONTENEGRO E ALLA CHIESA DI AGRIGENTO

Don Alessandro ha inviato un messaggio all’arcivescovo di Agrigento, il cardinale Francesco Montenegro, che sarࠣhiamato a collaborare nella veste di Arcivescovo coadiutore.

“Caro don Franco, nello spirito del battesimo che tutti ci accomuna, mi permetto di rivolgermi a Lei con questa forma fraterna – scrive –  Sin da adesso le esprimo la volontࠤi una collaborazione piena e libera in favore dell’intera Chiesa agrigentina. Attraverso Lei, nella gioia del Risorto, desidero salutare l’arcivescovo emerito, mons. Carmelo Ferraro, e tutta la comunitࠤei credenti che fa la Chiesa di Agrigento, laici, presbiteri, diaconi, seminaristi, religiosi e religiose, uomini e donne di buona volontࠦ#8211; aggiunge il nuovo arcivescovo coadiutore nel suo primo messaggio all’Arcidiocesi – In questo tempo inedito, esprima la mia vicinanza agli ammalati e a quanti se ne prendono cura tra le mura domestiche o presso gli ospedali, alle famiglie e ai lavoratori preoccupati per l’avvenire, ai migranti che, con cuore pieno di speranze, giungono nelle nostre coste. La prego di porgere il mio saluto cordiale anche alle autoritࠣivili e militari che si adoperano per il bene comune di un territorio in cui non mancano bellezze e ferite, risorse e contraddizioni, attese e indifferenze. Venerd젳corso, 24 aprile, trentatreesimo anniversario della mia ordinazione presbiterale, ho ricevuto l’inaspettata telefonata del Nunzio Apostolico in Italia che mi comunicava la volontࠤi Papa Francesco di inviarmi al servizio della Chiesa di Agrigento come arcivescovo coadiutore.  Questa singolare coincidenza, l’ho letta come una nuova e inattesa chiamata che accolgo con timore e tremore! La disponibilitࠥspressa a Papa Francesco 蠩l nuovo “s즣8221; che rivolgo a Ges, Pastore Buono, e alla Chiesa, Madre e Maestra. E il “s즣8221; degli operai del Regno. Ƞl’ottavo “s즣8221; che ripeto in questi trentatr頡nni di ministero presbiterale. Il “prete” 蠣hi governa la porzione del popolo di Dio cui 蠭andato, come il pastore pasce il gregge – continua in un altro passaggio don Alessandro – Egli non va in cerca di successi personali, quanto piuttosto, nella consapevolezza delle proprie fragilitଠsi sforza di riconoscere le meraviglie di Dio nella propria vita e dice, con veritࠥ gratitudine, ma guarda davvero cosa ha fatto il Signore… nonostante me e pur attraverso me! Con queste sicurezze e con questi atteggiamenti mi preparo al cammino che faremo con Lei e con tutta la comunitࠤiocesana”.

I LEGAMI TRA LE DUE CHIESE. MONS. FRAGNELLI: “CONTA ESSERE TESTIMONI CREDIBILI DELLA GIOIA DEL VANGELO

“La mente va poi al confratello Montenegro, che apre le sue braccia all’accoglienza cordiale e rispettosa del nostro don Alessandro – si  legge in un altro passaggio del messaggio del vescovo Fragnelli inviato a don Alessandro e alla comunitࠤiocesana trapanese –  Certamente lavoreranno bene insieme nel servizio del popolo di Dio. Grazie, Eminenza! In questo momento di rinnovata tessitura dei rapporti tra le nostre due diocesi, non posso fare a meno di ricordare come Agrigento ha donato settant’anni fa alla nostra Chiesa un santo vescovo, il favarese Mons. Filippo Jacolino. Di lui lo storico Filippo Burgarella ha detto che, lungi dal vestire i panni del vescovo – principe, egli ha incarnato il modello del vescovo-santo. Da allora sono cambiate tante cose nella Chiesa e nella societࠡgrigentina e trapanese; ma, oggi come ieri, contano solo testimoni credibili della “gioia del Vangelo”, che non cambia.

LA DATA DELL’ORDINAZIONE EPISCOPALE DI DON ALESSANDRO SARA’ CONCORDATA NON APPENA SARA’ POSSIBILE, IN CONSIDERAZIONE DELL’EMERGENZA SANITARIA IN CORSO.