martedì, Giugno 18, 2024
26.1 C
Trapani
HomeAttualitàIl porto peschereccio in balia del degrado

Il porto peschereccio in balia del degrado

di Chiara Conticello

I bei tramonti, il rumore del mare e il verso dei gabbiani: la zona del porto peschereccio potrebbe tranquillamente essere definito un vero e proprio paradiso terrestre.

Peccato che, però, c’è un problema: l’inciviltà di tanti, trapanesi e non.

L’area, infatti, è sempre più lasciata all’abbandono con bottiglie di plastica e fusti vuoti di olio di motore: insomma, materiale altamente inquinante per una zona così bella.

E poi ci sono le erbacce e i carretti abbandonati.

A segnalarlo sono stati tanti cittadini, ormai stanchi di vedere degrado in un posto che dovrebbe essere valorizzato in tutto e per tutto, perché racconta secoli di storia trapanese.

A tutto però potrebbe esserci una soluzione. Nella zona si trova infatti l’ex scuola “Buscaino – Campo”, chiusa nell’aprile del 2013 da un’ordinanza del sindaco di allora. La causa della chiusura fu la presenza di amianto, materiale oggi vietato. Dieci anni dopo, nell’aprile del 2023, lo stabile è stato riconsegnato al Demanio regionale. Secondo quanto aveva fatto sapere l’amministrazione, la struttura sarebbe stata demolita e a seguito di una nuova ricostruzione, sarebbe diventata il nuovo comando provinciale dei carabinieri.

Ma dopo un anno, della demolizione nemmeno l’ombra e l’edificio è ancora lì, abbandonato e spesso ricettacolo di ogni genere di spazzatura.

E poi c’è l’ex area del mercato del pesce.

Le due strutture, infatti, potrebbero essere momentaneamente uno spazio per i pescatori dove riporre carretti e barche di ogni genere che, invece, vengono lasciate per strada nella zona del porto peschereccio. Ma potrebbero diventare anche dei luoghi di ritrovo, soprattutto durante l’estate.

Invece sono sempre più terra di nessuno e luoghi di degrado e abbandono.

Altre notizie