sabato, Giugno 22, 2024
26.1 C
Trapani
HomeAttualitàAirgest, luci ed ombre per l'aeroporto della provincia di Trapani

Airgest, luci ed ombre per l’aeroporto della provincia di Trapani

Di Nicola Baldarotta

La presidenza della Regione pare sia decisa a monitorare i dati degli aeroporti siciliani per cercare di capire se i risultati del 2023 siano siano fortemente condizionati da quanto successo a Catania in estate– l’incendio e la chiusura dell’aeroporto – col rischio di avere una sorta di rimbalzo negativo quest’anno. L’Airgest, la società di gestione dell’aeroporto di Trapani Birgi, come noto nei giorni scorsi ha approvato il bilancio di esercizio 2023 facendo segnare un risultato economico positivo pari a 505mila euro, per la prima volta nella sua storia, dimostrando una significativa crescita dei volumi di traffico e sottolineando l’avvio di nuovi investimenti.

Aumentati i passeggeri, aumenti i ricavi ma da Palazzo d’Orleans vogliono capire, molto probabilmente, se questi dati sono edulcorati e perseguibili nel tempo o se si tratta solo di un aspetto momentaneo sul quale riflettere.
E questo, soprattutto, perchè dai dati pubblicati da Airgest emerge un andamento in lieve calo, nei primi mesi del 2024, rispetto allo stesso periodo del 2023.

Perplessità che riguardano, da quanto trapela, anche sulla riconferma di Salvatore Ombra alla guida della società Airgest. Ombra, come noto, si trova attualmente in regime di proroga considerato che il suo mandato è scaduto da oltre un mese. A Birgi potrebbe non bastare più la sola Ryanair sulla quale ha puntato Ombra in tutti questi suoi anni di gestione dello scalo trapanese, unica eccezione la Dat che opera i collegamenti per Pantelleria. Una strategia che vincolerebbe troppo il destino dello scalo alla compagnia low cost irlandese e sulla quale la Regione, adesso, pare si stia interrogando seriamente. Anche in funzione dei dati positivi degli altri scali siciliani: SAC, la società che gestisce gli scali di Catania e Comiso, nel 2023 ha fatto segnare +6,30% di crescita per i viaggiatori: 10.735.700 rispetto ai 10.099.441 del 2022.

E tutto questo malgrado l’incendio avvenuto lo scorso 16 luglio, con i disagi conseguenti e la chiusura temporanea del terminal A.
Numeri da recordo anche per l’aeroporto “Falcone Borsellino” di Palermo che ha visto nel 2023 il suo anno migliore di sempre, con un aumento del traffico del 13,84%, circa un milione di passeggeri in più rispetto al 2022 e la Gesap, la società che gestisce lo scalo, ha chiuso il bilancio 2023 con un utile netto di esercizio di 12.235.898 euro, il miglior risultato di sempre.

Birgi, per la Regione Sicilia, al momento rappresenterebbe una sorta di Cenerentola. Ma senza il Principe che la farà diventare una principessa.

Altre notizie