14.1 C
Trapani
lunedì, Febbraio 26, 2024
HomePoliticaValderice, gli "elimo ericini" non digeriscono il rimpasto unilaterale

Valderice, gli “elimo ericini” non digeriscono il rimpasto unilaterale

È ormai trascorsa poco più di una settimana dal decreto sindacale con cui il Sindaco di Valderice ha comunicato la nuova giunta, ma ancora le acque non si calmano

A Valderice, per il Sindaco Stabile, è tempo di serrare la fila e sedersi a dialogare con i suoi. Specialmente con i componenti del gruppo consiliare “Elimo Ericino” che non hanno affatto digerito la decisione unilaterale del primo cittadino.

È ormai trascorso poco più di una settimana dal decreto sindacale con cui il Sindaco di Valderice ha comunicato la nuova giunta, ma ancora le acque non si calmano: evidentemente quanto successo ha scosso un po’ tutta la comunità. 

Il Sindaco Stabile, forse dietro pressante suggerimento, ha fatto le sue scelte. Scelte giuste, scelte sbagliate, migliorative o peggiorative, sarà solo il tempo a dirlo, ma su un fatto non vi è alcun dubbio: ha mancato di rispetto non solo ai quattro componenti del nuovo gruppo consiliare  ‘ELIMO ERICINO’, che ha indicato come principale causa del rimpasto, ma, a nostro avviso, all’intera comunità Valdericina rimasta spiazzata e frastornata da questo terremoto politico. Non possiamo che esprimere la nostra personale delusione”. Così commentano subito quanto avvenuto. E, a scanso di equivoci, aggiungono: “Circa tre settimane fa, i sottoscritti Agosta Giovanna, Iovino Filippo, Martinico Giuseppe e Messina Vincenzo, nella qualità di Consiglieri comunali, abbiamo deciso di dare vita al nuovo Gruppo Consiliare ELIMO ERICINO con uno scopo ben preciso e comunicato al Sindaco le nostre intenzioni, le nostre prerogative e i nuovi presupposti su cui si doveva fondare il rapporto politico con l’amministrazione.
Nell’incontro di Mercoledì 18 Agosto avuto con lo stesso, avevamo ribadito la nostra più totale fiducia in lui, in tutti i cinque Assessori (due ormai ex) e nel Presidente del Consiglio comunale. Da quell’incontro la situazione è precipitata:
non solo non veniamo informati della volontà di azzerare la giunta (azzerare… meglio dire “tagliare la testa a qualche assessore!”) ma non siamo nemmeno stati presi in considerazione sulle scelte per la composizione della nuova squadra assessoriale”.

Non si sono sentiti considerati, in pratica, e si chiedono perchè il sindaco non abbia concordato il cambio in giunta anche con loro. Pur precisando che “Per noi non è mai stato un problema di “teste da tagliare” né di sedie da conquistare.
Noi abbiamo sempre voluto chiarezza, più dialogo in maggioranza e, soprattutto, maggiore partecipazione all’attività amministrativa”.

Per i consiglieri comunali Filippo Iovino (Capogruppo), Giovanna Agosta (Vice Capogruppo), Giuseppe Martinico e Vincenzo Messina “Il problema, grosso, è il totale menefreghismo mostrato in queste ultime settimane dal Sindaco nei nostri confronti: consiglieri, fino ad oggi, sempre FEDELI al programma amministrativo, al Sindaco e a tutti i componenti della Giunta, Presidente del Consiglio comunale compreso“. Sono inc… arrabbiati e lo vogliono far sapere.

- Advertisment -

Altre notizie