10.6 C
Trapani
mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeSportTutti pazzi per le Arpie

Tutti pazzi per le Arpie

Nell'approfondimento di oggi, il Presidente di Telesud, Massimo Marino, commenta la vittoria della Handball Erice in Coppia Italia e del suo futuro sul territorio.

Un risultato storico, frutto di programmazione e sacrifici. Tanti. Non me ne vogliano le mie amiche arpie…, più fuori dal campo che dentro. Il che la dice lunga visto il tanto sudore buttato durante la settimana, e la domenica nei palazzetti di tutto lo stivale, dalla capitana Lorena Benincasa e socie. Fare sport, soprattutto a queste latitudini, è un dissanguamento vero e proprio per il patron di una società; calcistica, di basket o pallamano, poco cambia. Anzi, forse proprio quest’ultimo, essendo “assai meno ricco”, è ancora più difficile, a maggior ragione se ai livelli oggi raggiunti dalla Handball Erice, fresca vincitrice della Coppa Italia. Da Rimini sono arrivate immagini piene di comprensibile gioia incontrollata; una festa nero-verde che è stata ribattuta su tutti i media locali e nazionali con tantissimi complimenti sui social da parte di sportivi e semplici cittadini. Insomma, tutti pazzi per le arpie. Bene, e adesso? Adesso bisogna che si passi ai fatti. Quando Norbert Biasizzo, visionario patron della Handball, anni fa, mi parlò del progetto societario sposai subito editorialmente quell’idea. Dare i giusti spazi di palinsesto ad una realtà che voleva “diventare qualcosa” sul territorio. Era impossibile non farlo. Non si può che dare fiducia a chi investe di tasca propria, e tanto, per “creare e fare” sport. Sport vuol dire molto altro che una palla che rotola per un territorio; vuol dire crescita sociale, vuol dire togliere le nuove generazioni dalla strada per metterli in una palestra ed insegnargli i suoi valori. Sacrifici, sana competizione e rispetto verso l’avversario…, prerogative troppo spesso dimenticate oggi nella nostra società, nei più giovani ma non solo fra loro. Ora, dunque, è il momento che le maggiori realtà produttive della provincia si avvicinino a questa colori. Non possono essere soltanto il calcio ed il basket le destinatarie delle sponsorizzazioni locali. Penso soprattutto a quelle più “agroericine” come la Nino Castiglione o Decò. Agli amici della famiglia Castiglione e Matteo Sottile dico che è giunto il momento di sostenere queste ragazze. So bene che queste aziende sono subissate da richieste continue per patrocini di ogni tipo. Ma sarebbe un peccato – conoscendo bene i numeri di tutte queste realtà e dunque la possibilità irrisoria per essergli “in qualche modo vicini”…- disperdere un patrimonio di emozioni e di meravigliosa immagine lasciata in giro per l’Italia da queste altrettanto meravigliose atlete. Sosteniamole tutti assieme. Senza giri di parole, oggi è un obbligo per chi può farlo.  

Massimo Marino
Presidente di Telesud 

- Advertisment -

Altre notizie