11.3 C
Trapani
mercoledì, Aprile 24, 2024
HomeCulturaAl PalmosaFest di Castelvetrano il 7 aprile Massimo Bernacconi presenta il suo...

Al PalmosaFest di Castelvetrano il 7 aprile Massimo Bernacconi presenta il suo libro

Il PalmosaFest di Castelvetrano propone un altro appuntamento – fuori cartellone – ma nell’ambito della stagione 2023/2024, in programma domenica 7 aprile all’ex Convento dei Minimi, alle ore 17.30. Protagonista dell’evento sarà Massimo Bernacconi, che presenterà il suo libro dal titolo “Elio e Anna: sulle ali di un trepido amore azzurro” edito da Rubettino. A dialogare con l’autore sarà la giornalista Jana Cardinale. Coordinerà i lavori Bia Cusumano. Le letture saranno a cura di Sonia Giambalvo e Giulio Montalbano. Esibizioni musicali di Enza Ienna, soprano, e Silvia Leone. Suonano Franco Giacomarro e Pino Adorno. E’ prevista l’esposizione di opere dell’artista marsalese Aurelio Sarzana.

Il Libro:

Anna, una signora dell’alta borghesia cittadina lascia questa terra portandosi dietro una lunga vita di bei ricordi e tormentati rimpianti. Ella se ne va in silenzio, con la compostezza e la dignita’ che le erano proprie senza sapere che sarebbe ritornata a vivere attraverso le proprie memorie, custodite gelosamente per tanti decenni. Scatole vuote, scartoffie, disordine, intuito, curiosita’, illuminazione, entusiasmo, certezza, bisogno di chiudere il cerchio. Una storia di forte passione, se non possiamo chiamarlo amore, che inizia nel 1938 sull’orlo del baratro alla quale fanno da scenario le cime delle Dolomiti, le citta’ d’arte ed il razionalismo italiano che ne modifica aspetto ed anima, la costiera romagnola “come era”, l’Africa, l’Himalaya.

Il destino di Anna ed Elio si intreccia con quello di gerarchi, eroi e pusillanimi, nomi noti o carneidi sconosciuti. Il loro amore, il loro desiderio, la loro smania vitale si lubrifica con olio minerale, l’energia e’ la benzina autarchica, Cupido ha trafitto i loro cuori con le frecce scagliate dal suo arco e la mitraglia ha straziato i loro sogni di vita comune, aprendo il varco ad un altro scenario.

Questo racconto segue il filo cronologico e letterario dettato dalla corrispondenza fra i due protagonisti mettendo a nudo il loro animo al netto del pudore dei loro scambi e della retorica che li circondava e nella quale erano diventati adulti.

PROFILO DELL’AUTORE

Massimo Bernacconi nasce a Ravenna nel 1970 e sin dalla sua infanzia si e’ appassionato all’aviazione, facendone la sua attivita’ professionale. Gli piace pensare che questo non sia stato effetto del caso, quanto piuttosto un destino benevolo che lo aveva condotto ad abitare proprio su quel tratto di strada che passa davanti al piccolo Aeroporto della citta’ romagnola e che faceva parte del Circuito del Savio, sul quale Enzo Ferrari vinse nel 1923 e dove conobbe la famiglia dell’Asso degli Assi italiani della IGM, Francesco Baracca. Successivamente,  dalle mani della di lui madre, Ferrari ricevette il fatidico simbolo del Cavallino Rampante. Storia e leggenda si sono fusi in quelle umide valli e dall’energia del luogo non poteva sorgere altro che il furore sacro per i motori e per la velocita’ che e’ diventato proverbiale in quella parte della nostra penisola. 1923, anno fatale che sancisce anche la creazione dell’Arma Azzurra. Di entrambi questi eventi festeggiamo quest’anno il centenario. Aerei, motociclette ed automobili. Passioni che tuttora segnano la quotidinianita’ dell’autore. Deciso ad entrare in quel mondo affascinante, frequenta l’Istituto Tecnico Aeronautico a Forli’ dove consegue il brevetto di pilota. Gli anni post-diploma lo vedono prima ufficiale dell’Aeronautica Militare Italiana, poi controllore del Traffico Aereo in Italia e Svizzera. Laureato in Scienze Politiche con tesi su “Uso e Controllo dello Spazio Aereo”, e’ attualmente un funzionario di EUROCONTROL, l’Organizzazione Europea per la Sicurezza della Navigazione Aerea. Sposato, due figli, lavora e vive fra Bruxelles e Praga. E’ stato insignito dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana. E’ impegnato in varie attivita’ associazionistiche ed e’ stato consultore per l’emigrazione della regione Emilia Romagna per vari anni. Appassionato collezionista e pilota dilettante di Porsche 911 raffreddate ad aria, collabora con alcune riviste internazionali del settore. La passione per i libri antichi e per la ricerca storica lo ha portato a raccogliere e catalogare materiale inedito proveniente da note famiglie ravennati e cercare di raccontare, attraverso mostre o scritti, avvincenti vicende che altrimenti sarebbero diventate polvere nel tempo … rivivere le vite del passato e farle proprie e superare cosi’ i limiti dello spazio e del tempo.

- Advertisment -

Altre notizie