Papania: “Sono sereno, chiarirò i fatti a breve”

389

Le dichiarazioni dell’ex parlamentare nazionale, fondatore del Movimento VIA, sull’inchiesta della Guardia di Finanza circa presunto voto di scambio a Petrosino

Una informazione di garanzia non è un avvertimento ma un atto a tutela dell’indagato, che dovrebbe per legge essere segreto, proprio per evitare che la sola notizia del suo invio diffonda un’ombra di colpevolezza a priori. 

A parlare è il senatore Nino Papania, dopo la notizia dell’inchiesta della Guardia di Finanza su un presunto voto di scambio per le elezioni a Petrosino (ne abbiamo parlato qui).

Ritengo per doveroso rispetto verso le istituzioni, che mai è venuto meno, così come meno mai è venuta la fiducia nei confronti della Magistratura, – continua Papania – che i fatti verranno chiariti a breve a tutela non solo mia ma anche degli altri indagati del Movimento Via. Sono estremamente tranquillo perché forte della certezza della mia totale estraneità ai fatti e attendo, quindi, con grande serenità che la giustizia faccia tutte le opportune verifiche per accertare la verità”.