Un laboratorio di co-working. Spazi comuni per idee da condividere
Pubblicità
<tonno auriga

I due comuni ammessi a finanziamento sull’avviso pubblico “SINERGIE” dell’Anci con un progetto di gemellaggio per lo sviluppo e la diffusione di interventi condivisi di innovazione sociale giovanile.

Il progetto presentato dal Comune di Trapani, gemellato al Comune di Alessandria, s’è classificato al terzo posto (a pari merito con i comuni di Mantova e Ravenna). Sarà finanziato con 278mila e 500 euro sul complessivo ammontare di un milione e 980 mila euro disponibili per i primi 9 progetti. L’ipotesi di lavoro predisposta dal Comune di Trapani e condivisa dal Comune di Alessandria, prevede la creazione di un polo fisico territoriale permanente di progettazione partecipata con i giovani in ambito di (Ri)Generazione Urbana e la riqualificazione urbana di specifiche aree del territorio di entrambi i comuni. «Si prevede di attivare – spiega l’Assessore Andreana Patti – un Polo di progettazione giovanile permanente di tipo partecipativo, area di co-working; sala riunioni, laboratori, mostre; foresteria con locali destinati ad alloggi temporanei per studenti (provenienti anche dalla città di Alessandria), designer, architetti, ricercatori e giovani imprenditori che dimostrino la volontà di attivazione all’idea progettuale del territorio trapanese. I luoghi interessati dal progetto saranno, per il Comune di Trapani, inizialmente, la “Casina delle Palme” e l’Immobile “Principe di Napoli” e successivamente, attraverso l’attività propulsiva delle associazioni giovanile e dei professionisti coinvolti, si estenderà su tutto il territorio del Comune di Trapani. Lunedì 13 gennaio primo incontro operativo con i partner che hanno sottoscritto il protocollo d’intesa che sono: Unione degli Assessorati alle Politiche Socio Sanitarie e del Lavoro; Società Cooperativa Sociale Badia Grande; Associazione Trapani per il Futuro; Associazione Unione Provinciale degli Artigiani e delle Piccole e Medie Imprese Associazione Politico Culturale AGORA’; APS Don Bosco con i giovani. Alle attività saranno invitati a partecipare i giovani del territorio tramite “chiamata”.