Pubblicità
<tonno auriga

Squadra e città uniti per un unico obiettivo. Un pareggio o una vittoria contro il Catania, domani sera, vorrebbero dire accesso in finale per la promozione in serie B. Venduti intanto 4500 tagliandi…

Le ore cominciano a scorrere lente. Sono circa 4500 i tagliandi venduti finora. Tutti esauriti invece i biglietti a disposizione dei sostenitori del Catania, i 404 posti del settore ospiti e i 159 in tribuna messi a disposizione dal Gos per motivi di ordine pubblico. Continua fino a domani la prevendita per gli abbonati con diritto di prelazione , alla biglietteria del Trapani Calcio, e dei tagliandi liberi presso i punti vendita vivaticket. Oggi la squadra si allenerà alle 16, naturalmente a porte chiuse. Mister Italiano sta pensando alla formazione per domani sera. Non è improbabile che, vista l’ottima prova dei suoi, riconfermi gli undici iniziali di mercoledì scorso. Per cui 4-3-3 con Dini tra i pali, Costa Ferreira, Taugourdeau, Scognamillo e Ramos in difesa, da centrali Corapi, Toscano e Aloi, ed il tridente formato da Ferretti, Nzola e Tulli. Novanta minuti in cui tattica e tecnica saranno nulla senza il cuore ed il coraggio. Novanta minuti da vivere col fiato sospeso, nella consapevolezza che occorrerà spingersi oltre per coronare una stagione sportiva straordinaria. Mercoledì scorso per un attimo, all’esultanza di Ferretti, abbiamo sgranato gli occhi. E’ un dejavu o è reale? Una mano alla fronte per guardare l’orizzonte, proprio come il trittico Mancosu-Basso-Nizzetto, il primo anno di serie B. Un “guardare lontano” che ci ha permesso di vivere diverse stagioni in serie B, quando c’era fame di storia e successi, quando ci emozionavamo per le corse sulle fasce, quando strillavamo ai gol che ci garantivano la permanenza in una categoria che per più di 100 anni si era solo sognata. Di tempo ne è passato, ma il gesto di Ferretti, sicuramente inconsapevole, ci ha portati per un attimo a capire il reale valore di quello che abbiamo, come città, come trapanesi, come tifosi. Si può guardare indietro ma con lo sguardo ancora rivolto verso il futuro. Una storia ancora da scrivere e che nessuno, nessuno può minare. Allora guarda lontano Ferretti, più lontano che puoi, non sei solo.